Coronavirus: 40 milioni di cinesi sono messi in quarantena

23.05.2020 0 Di Antonio Guerra

Coronavirus, i passeggeri americani della Diamond Princess vengono portati via in pullman

Coronavirus, i passeggeri americani della Diamond Princess vengono portati via in pullman

RETAMAL DI FOTO HECTOR, AGENZIA FRANCIA-PRESSE

Le persone che indossano una maschera attendono al centro della Croce Rossa a Wuhan, in Cina.

Le autorita cinesi hanno continuato a inasprire le restrizioni draconiane sulla popolazione del paese nella speranza di arginare la diffusione del coronavirus che e apparso a dicembre.

  • & sdk = joey & u = https% 3A% 2F% 2Fwww.lapresse.ca% 2Finternational% 2Fasie-et-oceanie% 2F202001% 2F25% 2F01-5258228-coronavirus-40-milioni-di-cinesi-sono in quarantena. php & display = popup & ref = plugin & src = share_button “data-network =” facebook “title =” Condividi su Facebook “>
  • & controlla; Link copiato

Marc Thibodeau
La stampa

Il numero di citta di fatto messe in quarantena dall’interruzione dei servizi di trasporto alla vigilia del capodanno cinese e stato ampliato per includere oltre 40 milioni di persone, secondo un conteggio di Agence France-Presse.

Wuhan, considerato l’epicentro della crisi, e stato il primo obiettivo di queste misure insolite, che causano preoccupazione e frustrazione nella popolazione locale.

Raggiunto al telefono da La stampa a Wuhan, Ihab Alfadhel ha affermato che i residenti hanno paura di rimanere senza cibo. “Alcuni giorni fa, era ancora normale, ma all’improvviso tutti sono andati a comprare cibo allo stesso tempo e non siamo riusciti a trovare quello che volevamo”, ha detto lo studente iracheno di 27 anni.

Pane, pomodori, uova: spera che i suoi acquisti siano sufficienti per diversi giorni.

Il governatore provinciale ha assicurato che le forniture sarebbero state sufficienti, il che non ha rassicurato la popolazione di fronte ai supermercati spogliati, secondo un residente contattato dal South China Morning Post.

Fuori, la citta sembrava essersi fermata, disse Alfadhel. “Potrei vedere due o tre macchine ogni mezz’ora o ora”, ha testimoniato dal suo appartamento. Di solito la strada e molto piu frequentata.

“Tutto e fermo”, ha aggiunto. Le lezioni erano gia sospese per le festivita del Capodanno cinese.

Diverse strutture sanitarie sono state assalite da cittadini preoccupati che vogliono sapere se hanno il virus.

AGENZIA FOTOGRAFICA FRANCIA-PRESSE

Le autorita cinesi hanno iniziato a costruire un ospedale accelerato in grado di ospitare mille letti a Wuhan.

Le autorita hanno iniziato a costruire un ospedale accelerato che puo ospitare un migliaio di posti letto.

Quattrocentocinquanta medici e altro personale medico dell’Esercito popolare di liberazione sono volati a Wuhan per aiutare a combattere il virus, ha detto oggi l’agenzia cinese News.

Ansia della popolazione

il British Medical Journal venerdi ha avvertito in un editoriale che l’uso di una forma di quarantena su larga scala potrebbe aumentare notevolmente l’ansia del pubblico e renderlo piu difficile per gli operatori sanitari.

La sensazione di essere intrappolati e privati del controllo e la maggiore circolazione di voci puo avere un grave effetto sui residenti e spingere molti di loro a entrare in istituti per sintomi minori, minando il sistema sanitario.

E necessario valutare se i benefici epidemiologici incerti di questa forma di quarantena di massa obbligatoria siano maggiori dei costi psicologici incerti che ne risultano.

Estratto dall’editoriale di British Medical Journal

L’avvertimento e arrivato quando un nuovo studio dell’Universita di Lancaster in Gran Bretagna ha avvertito le autorita della possibile esplosione del numero di casi a Wuhan e all’estero in arrivo settimane.

I ricercatori – che non hanno richiamato ieri La stampa – ha indicato che il numero di persone infette nella citta e stato sottovalutato e ha superato gli 11.000 casi all’inizio della settimana, mentre il governo ha riconosciuto ufficialmente solo poche centinaia di casi. Venerdi sera, le autorita cinesi hanno rivisto il numero di persone infette a quasi 1.300 e il numero di morti a 41.

Avvertono inoltre, tenendo conto dei viaggi compiuti nelle settimane successive alla comparsa del virus, che le attuali restrizioni ai trasporti non impediranno la sua diffusione in Cina e oltre.

I Centri statunitensi per il controllo delle malattie (CDC) hanno dichiarato in una conferenza stampa che una donna di 60 anni tornata a Chicago il 13 gennaio dopo essere stata a Wuhan era stata messa in segregazione. La signora aveva avuto pochi contatti con altre persone dal suo ritorno, limitando il rischio di trasmissione.

vaccino

Mentre continuano gli sforzi per combattere la diffusione del virus, una coalizione di attori pubblici e privati ha annunciato alla fine della settimana che tre gruppi di ricerca distinti che sostiene intendono lavorare sullo sviluppo di un vaccino contro il virus.

Il direttore della Coalition for Epidemic Preparedness, Richard Hatchett, ha dichiarato di sperare che sia possibile avviare test clinici su un potenziale vaccino durante l’estate in modo che possa essere utilizzato in un anno.

“Dopo aver completato lo sviluppo di un nuovo vaccino in un anno, non e impossibile”, ha affermato Gary Kobinger, direttore del Center for Research in Infectious Disease dell’Universita di Laval, che partecipa a questi sforzi di ricerca.

“La grande sfida e la velocita”, ha detto il microbiologo, che spera di trasferire tecnologie che sono state utilizzate con successo contro altri virus noti per combattere Wuhan.

Il dott. Gaston De Serres, un medico-epidemiologo collegato al National Institute of Public Health del Quebec, ha dichiarato venerdi che il programma menzionato dalla coalizione sembrava ambizioso.

“Anche quando hai fretta, lo sviluppo di un vaccino richiede normalmente anni”, ha avvertito.

Nel caso dell’epidemia di sindrome respiratoria acuta grave (SARS) nel 2002-2003, la diffusione del virus era stata interrotta dopo diversi mesi senza che fosse stato sviluppato alcun vaccino.

– Con Janie Gosselin, La stampae Agence France-Presse

Altrove nel mondo

Quebec

Ad oggi, nessun caso di infezione da coronavirus e stato rilevato in Quebec. Sei persone cinesi sono state osservate in Quebec e Montreal. Avevano sintomi simili a quelli causati dal virus che ha ucciso almeno 41 persone in Cina – i sintomi principali sono febbre, tosse e difficolta respiratorie. I test hanno rivelato che nessuno e stato infettato dal virus. Il direttore nazionale della sanita pubblica Horacio Arruda e stato rassicurante venerdi. Nessun caso e stato identificato altrove in Canada.

Francia

Tre casi di infezione da coronavirus in Cina sono stati rilevati in Francia. I primi due casi sono stati confermati per la prima volta venerdi e un terzo, che era sotto osservazione, e stato aggiunto all’elenco piu tardi oggi. I tre sono rimasti in Cina di recente. Sono ricoverati in ospedale a Bordeaux e Parigi, con misure di isolamento. “Tutte le persone che sono state in stretto contatto con questi pazienti vengono contate”, ha dichiarato il Ministero della solidarieta e della salute sul suo sito web.

Australia

Un primo caso di coronavirus apparso in Cina e stato confermato sabato in Australia. Il paziente, un uomo per il quale non sono stati resi noti ulteriori dettagli, ha raggiunto Melbourne una settimana fa dalla citta di Wuhan, hanno riferito funzionari australiani. Secondo Brendan Murphy, capo della sanita pubblica per il governo australiano, le autorita dello stato di Victoria hanno seguito “rigorosamente i protocolli, compreso l’isolamento della persona colpita”.

– Janie Gosselin, La stampa, con La Presse canadienne e Agence France-Presse

Coronavirus: 40 milioni di cinesi sono messi in quarantena