Coronavirus: l’Italia supera i 4.000 morti, gli Stati Uniti nel contenimento

23.05.2020 0 Di Antonio Guerra

Lettura in 4 min.

Un uomo attraversa una strada deserta a New York, 18 marzo 2020 / AFP

L’Italia ha superato venerdi il segno di 4.000 decessi legati alla pandemia di coronavirus che ha spinto lo stato americano di New York, dopo la California, a dichiarare il contenimento totale della sua popolazione, portando a oltre 800 milioni il numero di le persone hanno chiamato per stare a casa nel mondo.

I due stati americani, i polmoni economici del paese, hanno ordinato la cessazione di tutte le attivita non essenziali e il divieto di manifestazioni. L’ordine si applica a circa 60 milioni di persone, comprese le aree metropolitane di Los Angeles e New York, nonche della Silicon Valley.

Anche l’Illinois, che e la terza citta piu grande del paese, Chicago, ha decretato un “soggiorno casalingo” leggermente meno restrittivo.

Ma il presidente Donald Trump ha escluso l’idea di contenimento federale. “Non credo che lo troveremo necessario un giorno”, ha detto, osservando che la California e New York erano “due punti caldi”.

“Ma se vai nel Midwest o da qualche altra parte, guardano tutto in TV e non hanno gli stessi problemi”, ha detto.

Washington, tuttavia, ha annunciato la chiusura dei confini con il Messico, come con il Canada, per tutti i viaggi non essenziali.

In tutto il mondo, il coronavirus ha ucciso almeno 11.310 persone dalla sua comparsa in Cina a dicembre, secondo un rapporto stabilito dall’Universita americana Johns Hopkins sabato alle 01:00 GMT, di cui circa 6.000 in Europa, il nuovo epicentro della malattia.

– Evangelisti a sostegno –

L’Italia, messa in isolamento per una settimana, mostra un record particolarmente cupo: 627 morti nelle ultime 24 ore, un record che porta il bilancio del paese oltre 4.000 morti.

Roma prevede di adottare rapidamente nuove misure piu restrittive, in particolare sulle attivita all’aperto, per dissuadere ulteriormente le persone dall’andare fuori.

La Spagna ha superato i 1.000 punti di morte e si sta preparando al peggio con quasi 20.000 casi.

L’Iran, uno dei tre paesi piu colpiti dalla pandemia, ha trascorso venerdi un cupo Capodanno, con un bilancio che continua ad aumentare (1.433 morti), senza scoraggiare milioni di persone da spostare.

Mentre le Nazioni Unite hanno sottolineato la prospettiva di un focolaio di Covid-19 nei paesi del Terzo mondo mal equipaggiati per affrontarlo, i grandi paesi occidentali stanno imponendo, una dopo l’altra, politiche di contenimento che sembrano aver indossato le loro frutti in Cina, dove il numero di contaminazioni crolla ufficialmente.

Il governo britannico ha ordinato la chiusura di pub, ristoranti, cinema, palestre e teatri. Il Belgio ha deciso di chiudere i suoi confini per tutti i viaggi “non essenziali”, ma non per il trasporto merci. La Baviera, il secondo stato regionale piu popoloso della Germania (13 milioni di abitanti), e la Saar hanno decretato il confinamento generale.

La misura e stata decisa in altre parti del mondo, come in Tunisia, dove le autorita non hanno specificato la data della sua entrata in vigore, ne la sua durata. Cuba ha anche chiuso i battenti ai turisti. Il coprifuoco e stato imposto ad Haiti, nella vicina Repubblica Dominicana, e da sabato in Giordania.

– “Tutti in quarantena” –

Valutazione della pandemia di coronavirus il 20 marzo alle 19:00 GMT / AFP

Piu di 800 milioni di persone in tutto il mondo sono attualmente chiamate a rimanere a casa, in oltre 30 paesi, sia come parte di confinamenti obbligatori, raccomandazioni o coprifuoco, secondo un conteggio effettuato da AFP.

“Siamo tutti in quarantena”, ha dichiarato il Governatore dello Stato di New York Andrew Cuomo, dato che il numero di casi e aumentato rapidamente nelle ultime ore.

L’esercito americano ha dichiarato di essere pronto a trasformare “in tre o quattro settimane” quasi 10.000 letti d’albergo o dormitori a New York in letti d’ospedale in caso di afflusso di pazienti.

Ma il confinamento e difficile da applicare in luoghi molto vulnerabili, come in enormi baraccopoli asiatiche o in prigioni egiziane sovraffollate con discutibile igiene.

In Sudafrica, anche se finora sono stati identificati solo 200 casi, il 60% dei 56 milioni di abitanti potrebbe alla fine essere infetto, secondo le autorita.

Inoltre, tre miliardi di persone non hanno nemmeno le armi piu elementari contro il virus, l’acqua corrente e il sapone, allarmano gli esperti delle Nazioni Unite, che temono la perdita di “milioni” di vite.

Descritto come il “nemico dell’umanita” dall’Organizzazione mondiale della sanita (OMS), l’epidemia di Covid-19 ha finora infettato quasi 270.000 persone in tutto il mondo, secondo gli ultimi dati.

Il capo dell’agenzia delle Nazioni Unite, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha avvertito i giovani, spesso considerati spensierati di fronte al rischio virale: “Non sei invincibile”.

Disinfezione della metropolitana di Madrid, 20 marzo 2020 / AFP

Su una nota piu ottimistica, ha parlato di “speranza” sulla situazione a Wuhan, la culla cinese della citta dell’epidemia, dove giovedi non sono stati registrati nuovi casi di origine locale.

Grazie a questo miglioramento, decine di migliaia di cinesi – studenti, professionisti, sportivi – all’estero, specialmente in Europa, ora vogliono “tornare a casa”, anche se si trovano di fronte alla sfiducia di un parte dei loro connazionali.

Al di la della tragedia sanitaria, il nuovo coronavirus rischia di far precipitare il mondo in recessione, nonostante le migliaia di miliardi rilasciati in emergenza negli Stati Uniti e in Europa.

Il Governatore di New York Andrew Cuomo si e quindi assunto la “piena responsabilita” delle “conseguenze economiche negative” delle misure di contenimento, mentre la California e New York rappresentano quasi un quarto del prodotto interno lordo degli Stati Uniti (22,3% nel 2018).

L’Unione europea ha annunciato venerdi una sospensione delle regole della disciplina di bilancio, una misura senza precedenti che consentira agli Stati membri di spendere quanto necessario per combattere le conseguenze economiche del coronavirus.

Funerali in un cimitero vicino a Bergamo, Italia, 20 marzo 2020 / AFP

Fino a 25 milioni di posti di lavoro sono a rischio in assenza di una risposta coordinata a livello internazionale, ha avvertito l’Organizzazione internazionale del lavoro.

Negli Stati Uniti, nonostante le ingenti assunzioni annunciate dai giganti del commercio al dettaglio, i dati ufficiali indicano un aumento senza precedenti dei licenziamenti.

I mercati, tuttavia, hanno mostrato una rinnovata fiducia venerdi dopo un inizio da incubo alla settimana, con gli investitori che scommettevano sull’effetto dei piani di stimolo annunciati.

Hong Kong ha guadagnato oltre il 5% alla chiusura. In Europa, la tendenza al rialzo e proseguita a Parigi (+ 5,01%) ea Francoforte (3,70%). L’aumento e stato meno forte a Londra (+ 0,76%), Milano (+ 1,71%) e Madrid (+ 0,74%). D’altra parte, Wall Street si e nuovamente conclusa in rosso (-4,55% per il Dow Jones), concludendo la sua settimana peggiore dalla crisi finanziaria del 2008.

Quello che sappiamo (o meno) del coronavirus in 15 domande e risposte

Conosciuto dalla fine del 2019, il virus SARS-Cov2 ha costretto oltre quattro miliardi di persone su cento.

Coronavirus: l'Italia supera i 4.000 morti, gli Stati Uniti nel contenimento