Legifrance – Il servizio pubblico di accesso alla legge 11

23.05.2020 0 Di Antonio Guerra

Scopri questo documento sul sito Legifrance modernizzato in versione beta

Martedi 14 aprile 2020

Sei in: Home> Altri testi legislativi e regolamentari> Ordinanza n. 2020-319 del 25 marzo 2020 su varie misure per adattare le regole di aggiudicazione, procedura o esecuzione degli appalti soggetti al codice degli appalti pubblici e agli appalti pubblici che non rientrano in esso durante la crisi sanitaria nato dall’epidemia di covid-19

Ordinanza n. 2020-319 del 25 marzo 2020 su varie misure per adattare le regole di aggiudicazione, procedura o esecuzione degli appalti soggetti al codice degli appalti pubblici e agli appalti pubblici che non rientrano in esso durante la crisi sanitaria nato dall’epidemia di covid-19

navigazione

Ordinanza n. 2020-319 del 25 marzo 2020 su varie misure per adattare le regole di aggiudicazione, procedura o esecuzione degli appalti soggetti al codice degli appalti pubblici e agli appalti pubblici che non rientrano in esso durante la crisi sanitaria nato dall’epidemia di covid-19

NOR: ECOM2008122R
Versione consolidata al 14 aprile 2020

Il presidente della repubblica,
Sulla relazione del Primo Ministro e del Ministro dell’economia e delle finanze,
Vista la Costituzione, in particolare l’articolo 38;
Dato il codice degli appalti pubblici;
Dato il codice di giustizia amministrativa, in particolare l’articolo R. 123-20;
Considerando la legge n. 2020-290 del 23 marzo 2020 di emergenza per far fronte all’epidemia di covid-19, in particolare l’articolo 11;
Sentito il Consiglio di Stato (sezione amministrazione),
Sentito il Consiglio dei ministri,
gli ordini:

Salvo diversa indicazione, le disposizioni del presente ordine si applicano agli appalti soggetti al codice degli appalti pubblici nonche agli appalti pubblici che non rientrano in esso, in corso o conclusi durante il periodo che va dal 12 marzo 2020 fino al fine dello stato di emergenza sanitaria dichiarato dall’articolo 4 della legge del 23 marzo 2020 di cui sopra, aumentato di una durata di due mesi.
Sono attuati solo nella misura in cui sono necessari per far fronte alle conseguenze, nella conclusione e nell’esecuzione di questi contratti, della diffusione dell’epidemia di covid-19 e delle misure adottate per limitare tale diffusione..

Per gli appalti soggetti al codice degli appalti pubblici, tranne quando i servizi coperti dal contratto non possono essere ritardati, i termini per la ricezione delle domande e delle offerte nelle procedure attuali sono prorogati di una durata sufficiente, fissata dal amministrazione aggiudicatrice, per consentire agli operatori economici di presentare la loro domanda o offerta.

Quando le condizioni del concorso previste in applicazione del codice degli appalti pubblici nei documenti della consultazione delle societa non possono essere rispettate dall’amministrazione aggiudicatrice, questa puo organizzarle durante la procedura nel rispetto del principio parita di trattamento dei candidati.

I contratti scaduti nel periodo di cui all’articolo 1 possono essere prorogati di una modifica oltre la durata prevista dal contratto quando l’organizzazione di una procedura di gara non puo essere attuata.
Nel caso di un accordo quadro, tale proroga puo estendersi oltre il periodo indicato negli articoli L. 2125-1 e L. 2325-1 del codice degli appalti pubblici.
La proroga di un contratto di concessione oltre il periodo previsto dall’articolo L. 3114-8 del codice degli appalti pubblici e esente dall’esame preventivo da parte dell’autorita competente dello Stato prevista nello stesso articolo..
In tutti i casi, la durata di tale proroga non puo superare quella del periodo di cui all’articolo 1, maggiorata della durata necessaria per la riapertura della concorrenza dopo la sua scadenza.

Gli acquirenti possono, per modifica, modificare le condizioni di pagamento dell’anticipo. Il suo tasso puo essere aumentato a un importo superiore al 60% dell’importo del contratto o dell’ordine di acquisto.
Non sono tenuti a richiedere la costituzione di una garanzia di prima richiesta per anticipi superiori al 30% dell’importo del contratto.

In caso di difficolta nell’esecuzione del contratto, si applicano le seguenti disposizioni, nonostante qualsiasi disposizione contraria, ad eccezione delle clausole che si dimostrano piu favorevoli per il titolare del contratto:
1 Quando il titolare non puo rispettare il termine per l’esecuzione di uno o piu obblighi del contratto o quando tale esecuzione a tempo debito richiederebbe mezzi la cui mobilitazione comporterebbe sul titolare un addebito manifestamente eccessivo, tale termine e prorogato di un periodo almeno equivalente a quello di cui all’articolo 1, su richiesta del titolare prima della scadenza del periodo contrattuale;
2 Quando il titolare non e in grado di eseguire in tutto o in parte un ordine o contratto di acquisto, in particolare quando dimostra di non avere mezzi sufficienti o che la sua mobilitazione avrebbe un peso su di lui un onere manifestamente eccessivo:
a) Il titolare non puo essere penalizzato, ne essere soggetto a sanzioni contrattuali, o avere una responsabilita contrattuale sostenuta per questo motivo;
b) L’acquirente puo stipulare un contratto di sostituzione con una terza parte per soddisfare quelle delle sue esigenze che non possono essere ritardate, nonostante qualsiasi clausola di esclusivita e senza che il titolare del contratto iniziale sia in grado di intraprendere, per questo motivo, il responsabilita contrattuale dell’acquirente; l’esecuzione del contratto di sostituzione non puo essere effettuata a spese e rischio del titolare;
3 Quando l’annullamento di un ordine di acquisto o la chiusura del mercato da parte dell’acquirente e la conseguenza delle misure adottate dalle autorita amministrative competenti nell’ambito dello stato di emergenza sanitaria, il titolare puo essere risarcito, da parte dell’acquirente, le spese sostenute quando sono direttamente imputabili all’esecuzione di un modulo d’ordine annullato o di un contratto risolto;
4 Quando l’acquirente e costretto a sospendere un contratto a un prezzo fisso la cui esecuzione e in corso, procede senza indugio alla risoluzione del contratto secondo i termini e gli importi previsti nel contratto. Al termine della sospensione, un addendum determina le modifiche del contratto che potrebbero essere necessarie, il suo identico recupero o risoluzione nonche le somme dovute al titolare o, se applicabile, le somme dovute da quest’ultimo all’acquirente. ;
5 Quando il concedente e costretto a sospendere l’esecuzione di una concessione, qualsiasi pagamento di una somma al concedente e sospeso e, se la situazione dell’operatore economico lo giustifica e fino alle sue esigenze, un anticipo sul il pagamento delle somme dovute dal concedente puo essere pagato a lui;
6 Quando, senza la sospensione della concessione, il licenziante e indotto a modificare in modo significativo le modalita di esecuzione previste dal contratto, il concessionario ha diritto a un indennizzo destinato a compensare il costo aggiuntivo derivante dall’esecuzione, anche parziale, del servizio o lavori, quando il proseguimento dell’esecuzione della concessione richiede l’implementazione di mezzi aggiuntivi che non erano previsti nel contratto iniziale e che rappresenterebbero un onere manifestamente eccessivo in considerazione della situazione finanziaria del concessionario.

Nelle Isole Wallis e Futuna, nella Polinesia francese, nella Nuova Caledonia e nei territori australi e antartici francesi, questo ordine si applica agli appalti pubblici conclusi dallo Stato e dai suoi stabilimenti pubblici. Nelle Isole Wallis e Futuna e nei territori australi e antartici francesi, si applica anche ai contratti di concessione conclusi da altri organismi e persone di diritto pubblico e privato incaricati dallo Stato con una missione di servizio pubblico amministrativo.

Il Primo Ministro e il Ministro dell’economia e delle finanze sono ciascuno responsabile dell’applicazione di questo ordine, che sara pubblicato nella Gazzetta ufficiale della Repubblica francese.

Legifrance - Il servizio pubblico di accesso alla legge